Micimiao Forum di discussione per tutti i gattofili
Micimiao Forum di discussione per tutti i gattofili e amici degli animali
Aiuta anche tu Micimiao clicca qui

Home Micimiao Forum Regolamento FAQ Calendario
Vai Indietro   Micimiao Forum di discussione per tutti i gattofili > ALTRI AMICI DI CASA > I Nostri Amici Cani > Consigli Utili

Notizie

Chiudi Discussione
 
Strumenti Discussione Modalità Visualizzazione
Vecchio 04-09-2012, 00:03   #1
Profilo Utente
Prem-Kala
Supergatto
 
L'avatar di  Prem-Kala
 
Utente dal: 01 2003
Paese: Trento
Regione: Trentino
Sesso: Donna
Gatti: 1
Messaggi: 38,193
Predefinito Cani, bambini... E altre storie.

CANI, BAMBINI... E ALTRE STORIE.
pubblicata da CANI : domande e risposte

Fra cani e bambini posso nascere dei rapporti fantastici e far crescere un cane con un bambino è una grande lezione di vita.

I cani insegnano ai bambini molte cose: a rispettare il prossimo, a rapportarsi con chi è diverso da noi, ad affinare la propria capacità di osservazione e comprensione, a non sviluppare pregiudizi, ad essere schietti e sinceri, a prendersi cura di qualcuno, e così via.

Così come i bambini posso insegnare ai cani a rapportarsi con tutti bambini, a dosare la forza, eccetera.



Tuttavia, affinchè la convivenza sia davvero bella e ne nascano realmente degli insegnamenti c'è bisogno di un elemento fondamentale: di ESSERI UMANI ADULTI.

Gli adulti (prenderemo come esempio i genitori) dovranno occuparsi sia dell'educazione del bambino sia dell'educazione del cane e dovranno dare ad entrambi gli strumenti per rapportarsi l'un l'altro nel modo giusto, in modo che possa davvero nascere un'amicizia.

Un'amicizia è basata sul rispetto. E questo dovrebbe essere il cardine dell'insegnamento da dare a cane e bambino.



Spesso capita di sentire "Vorrei regalare un cane a mio figlio/nipote". Poi si scopre che il bambino ha 7 anni... In realtà anche se ne avesse di più, persino 14-15, il discorso che sto per fare non cambierebbe.

Se si regala un cane a un bambino, in realtà lo si sta prendendo per se stessi (nel caso siano i genitori a fare il regalo) o li si sta comunque regalando ai genitori (nel caso siano altri a regalarlo).

Un bambino non è in grado di occuparsi del cane, non solo economicamente, ma anche da altri punti di vista, come quello educativo.

Inoltre un cane può vivere anche 15 anni (alcuni, specialmente fra quelli di piccola taglia, vivono persino qualche anno in più!). Un bambino di 10 anni, per esempio, dopo 8 anni sarà maggiorenne e allora potrebbe cambiare casa, partire per studiare o per lavorare... e non volere il cane con sé, perché l'adolescenza comporta cambiamenti e trambusto, e molte cose possono trasformarsi.

Dovranno essere quindi gli adulti a desiderare il cane perché saranno loro ad occuparsi di lui.

Bisogna avere la consapevolezza di chi è il cane e qual è la vita di cui egli ha bisogno.

Il cane è un canide, discendente dal lupo. I cani sono una specie diventata tale grazie alla domesticazione che si ritiene possa essere avvenuta dopo che gli uomini crearono i primi villaggi: con questi primi insediamenti venne a crearsi una nuova fonte di cibo (scarti e rifiuti dei villaggi) e di protezione (stare attorno ad un villaggio non è come stare in una foresta) e certi lupi meno "appassionati" alla caccia ne approffitarono.

Da allora è passato molto tempo e il cane è diventato in tutto e per tutto una specie, non più una sorta di lupo domestico: tuttavia le sue origini rimangono quelle. È un animale con le sue caratteristiche, il suo linguaggio e le sue esigenze, e bisogna esserne totalmente consapevoli.

Se decidiamo di prendere un cane dobbiamo sapere che stiamo prendendo un animale che discende dal lupo, non dalla scimmia per intenderci... Il cane è molto diverso da noi; il fatto che le nostre due specie siano compatibili non elimina le differenze.

Gli uomini del passato vivevano a contatto con la natura, ne facevano parte... e avevano l'occhio e la mente allenati ad interpretare le altre specie.

Noi uomini del terzo millenio, che viviamo in città ove la natura deve essere addirittura costruita per ricreare un pò di verde, siamo lontani mille miglia da un certo modo di pensare e di vedere le cose. E, per riuscire a vedere, per riuscire a fare certe cose, abbiamo bisogno di studiarle e impararle.

I cani sono pressoché l'unico nostro tramite con la natura, ma noi sembriamo addirittura essercelo dimenticati. Millenni di convivenza e, pare, coevoluzione, ci uniscono: eppure al giorno d'oggi sembriamo non ricordarcelo.

Constatare che non sappiamo rapportarci nemmeno con l'unico animale che convive con noi dalla notte dei tempi ha qualcosa di inquietante, e dovrebbe farci capire tante cose: tante amare cose...

In quest'amarezza tuttavia i cani sono ancora al nostro fianco e ci regalano un'opportunità di tornare un po' alla natura, di affacciarci al passato remoto attraverso il nostro rapporto con loro.



Se, fin da piccoli, ci fosse data l'opportunità di essere guidati verso il corretto approccio ai cani, certo la nostra crescita ne sarebbe arricchita. Ma, affinché ciò avvenga, c'è bisogno di adulti consapevoli.

Troppe volte invece il cane viene usato come mezzo per staccarsi ancora di più dalle nostre radici. Viene regalato come giocattolo: come se comprando un cane il bambino si potesse mettere un po' da parte con il suo giocattolo nuovo, quasi come si trattasse di un videogioco o di un televisore.

Vedere degli adulti che chiaccherano su una panchina al parco mentre un bambino e un cane sono poco più in là, totalmente da soli sebbene fisicamente gli adulti siano presenti, non è una bella scena: il bambino tira il cane, lo solleva, lo blocca; il cane è veramente irritato, veramente stufo... ma sopporta.

Il cane è palesemente vittima, ma anche il bambino lo è. Cane e bambino avrebbero potuto essere un binomio, giocatori della stessa squadra, due veri amici; invece gli adulti non hanno dato loro quest'opportunità, li hanno resi divisi, due mondi talmente lontani e sconosciuti che, nell'incontro, ciascuno danneggia l'altro.

Quel cane non conoscerà mai una vita serena: è vittima di maltrattamento (e la colpa non è del bambino).

Quel bambino invece è stato tradito: lui, nel suo desiderio di un cane, avrebbe voluto davvero un cane. Invece gli hanno regalato un videogioco...

Il cane in futuro probabilmente verrà portato fuori da quegli adulti stanchi, a fare un giretto dell'isolato, senza che nessun suo bisogno venga sodisfatto, senza che nessuno abbia voluto ripercorrere con lui la strada verso quel profondo, atavico legame; o forse trascorrerà i suoi ultimi anni in canile...

Il bambino in futuro non avrà quello che sarebbe stato il migliore fra i suoi ricordi d'infanzia, e non potrà mai dire di aver ricevuto un'educazione al rispetto degli animali e della natura; e neppure al rispetto del prossimo. Soprattutto, non avrà mai avuto quell'amico a quattro zampe che sognava da piccolo.


" Non vale la pena discutere con chi vuol avere ragione ad ogni costo! Fiato sprecato!"

Maria, Cleo, Dik; May dal ponte.
Prem-Kala non è collegato   Vai in cima
Chiudi Discussione

Strumenti Discussione
Modalità Visualizzazione

Regole di scrittura
Tu Non puoi postare nuovi threads
Tu non puoi rispondere ai messaggi
Tu non puoi inviare allegati
Tu non puoi modificare i tuoi messaggi

BB code è Attivo
Smilies è Attivo
[IMG] il codice è Disattivato
Il codice HTML è Disattivato

Vai al Forum


Tutti gli Orari sono GMT +1. Attualmente sono le 06:47.


Powered by vBulletin® Version 3.8.11
Copyright ©2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Copyright, Privacy e Note Legali : Micimiao.net - Micimiao.it - Micimiao.com Copyright ©2000 - 2020.
Tutti i contenuti presenti all'interno di questo sito sono proprietà di micimiao e sono protetti da copyright. .
E' pertanto severamente vietato copiare anche solo parzialmente i contenuti di questo sito senza aver ottenuto il consenso esplicito.
Creato, aggiornato e gestito da webmaster Tamara